Su Social Music, la recensione del 5° album della Bugaron Band

Con la Bugaron Band sembrano tornati i tempi di quando la musica italiana era nella voce e nella penna di grandi artisti come Lucio Dalla o Edoardo Bennato, e sarà per la timbrica vocale, ma ascoltandoli ho riscontrato in alcuni momenti, anche quel modo di fare musica “Pop” che viene da popolare e non dal suo significato più puramente commerciale.

La band dialettale di Fano è attiva da oltre 25 anni. Canta l’amicizia e l’amore per il territorio poggiandosi su vari generi fra cui pop-rock/folk/blues!

Nel Dicembre 2014 Hanno rilasciato il  5° CD auto-prodotto dal titolo “Vien Giù”, all’interno del quale sono presenti undici brani di cui in alcuni si sente molto forte la vena dialettale frammista al rock nostrano, mentre in altri troviamo sfumature più internazionali.

Le armonie e le liriche seguono un intreccio fra gli stili musicali propri degli anni ’70 e ’80 e i giorni nostri, dove la musica diviene talvolta scenario di testi intensi che raccontano di sensazioni personali e umane.

Da seguire!

Genere: Dialettale – Pop/Rock – Folk – Blues

copertina album bugaron band

Membri:

VOCE: Nik “Sor” Gaggi
CHITARRE: Asclepio “Lipio” Lupattelli
CHITARRE: Daniele “Lele Overdrive” Serafini
BASSO: Andrea “Starsky” Ceccarelli
BATTERIA: Diego “El bel” Del Vecchio
FISARMONICA e CORI: Elisa “Bila” Bilancioni
CHITARRA: Andrea “Cirion” Omiccioli
PIANOFORTE e TASTIERE: Francesco Montesi

Città: Fano (Marche, Italia)

Sito: http://www.bugaronband.com/ 

Recensione realizzata da:

Sergio Di Giangregorio: http://sergiodigiangregorio.wordpress.com/